Samuel Hahnemann Fatti


Samuel Hahnemann (1755-1843), medico e chimico tedesco del 19° secolo, ha sviluppato l’omeopatia, una forma di medicina che utilizza minuscole dosi di erbe e altre sostanze per promuovere la guarigione.

Disgustato dalle pratiche mediche barbare e violente dell’epoca e preoccupato per la salute della sua famiglia in crescita, Hahnemann ha trascorso anni a condurre esperimenti per studiare le proprietà curative di vari materiali. Credeva che piccole dosi di farmaci naturali potessero provocare i sintomi delle malattie che cercavano di curare, spingendo il sistema immunitario del corpo a guarire da solo. La pratica dell’omeopatia è nata da questa teoria, basata sulla tesi di Hahnemann che “come cura piace”. Il medico ha dedicato la sua vita all’omeopatia, conducendo infiniti test, promuovendo le sue teorie e combattendo i detrattori. L’omeopatia fiorì in tutto il mondo. La sua popolarità raggiunse l’apice negli Stati Uniti all’inizio del 1900, poi subì un brusco declino a causa delle proteste dei sostenitori della medicina moderna, anche se è rimasta immensamente popolare in molte parti del mondo, tra cui l’India e l’Europa.

Affascinato dalla scienza

Il cristiano Friedrich Samuel Hahnemann nacque l’11 aprile 1755 a Meissen, nell’Alta Sassonia, in Germania, da Johanna Christiana (Speiss) e Christian Gottfried Hahnemann. Suo padre lavorava come pittore, decorando porcellane. Da bambino, Hahnemann studiò latino, greco, ebraico, storia, fisica, botanica e scienze mediche, sotto l’ala di insegnanti che riconobbero le sue doti accademiche. Suo padre, che disprezzava l’educazione formale, spesso ritirava il figlio per quelle che chiamava “lezioni di pensiero”, ma Hahnemann persisteva, attratto dallo studio della medicina. All’età di 20 anni si iscrive all’Università di Lipsia, dove si sostiene con l’insegnamento e la traduzione di libri. Dopo due anni, Hahnemann si trasferì a Vienna per studiare presso una scuola cattolica.

ospedale. Nel 1779, Hahnemann ricevette la sua laurea in medicina dall’Università di Erlangen.

Sempre affascinato dalla scienza, soprattutto dalla chimica, Hahnemann si immerse ulteriormente nello studio della farmacia dopo il suo trasferimento a Dessau nel 1781. Lì incontrò Johanna Henrietta Leopoldina Kuchler. I due si sposano il 1° dicembre 1782 e si stabiliscono a Gommern, dove accolgono il primo di 11 figli nel 1783. L’anno successivo, Hahnemann pubblicò la sua prima opera medica.

Insoddisfatto dei trattamenti del giorno

Come padre protettore di molti bambini che si trovano ad affrontare una serie di malattie e disturbi, Hahnemann divenne sempre più a disagio con le tecniche mediche dell’epoca, in seguito soprannominata “l’era della medicina eroica”. La mancanza di conoscenze mediche, unita alla credenza negli spiriti maligni e nelle maledizioni, portò i medici ben intenzionati a prescrivere trattamenti come il prelievo del sangue, in cui i medici rimuovono quasi tutto il sangue dei pazienti. Un altro trattamento popolare era il blistering, un tentativo di estrarre le tossine dal corpo attraverso l’applicazione di sostanze calde. I medici dispensavano anche enormi dosi di farmaci, tra cui mercurio, arsenico, oppio e alcol, spesso cercando di indurre il vomito e lo svuotamento dell’intestino. “Dosi massicce di calomelano”, ha osservato uno scrittore per FDA Consumer, “non solo pulivano l’intestino, ma causavano anche l’allentamento dei denti, la caduta dei capelli e altri sintomi di avvelenamento acuto da mercurio”. Questa terapia “eroica” spesso prolungava la malattia, se non uccideva completamente il paziente”. Negli Stati Uniti, George Washington morì nel 1799 dopo essere stato curato per il mal di gola. Le sue terapie comprendevano il salasso e la formazione di vesciche con cantaridi, un intruglio a base di scarafaggi secchi.

Hahnemann ha riconosciuto la fallacia di tali trattamenti, e invece ha incoraggiato i suoi pazienti a cercare esercizio fisico, cibo sano e aria fresca. Alla fine, divenne così disincantato dalla medicina e dalla sua incapacità di curare efficacemente le malattie che lasciò il suo lavoro e si trasferì a Dresda. Lì trascorse cinque anni a studiare chimica e a lavorare alla traduzione di testi scientifici e di altri libri in tedesco. Lavorando sui suoi esperimenti, Hahnemann cominciò a fare importanti scoperte e a guadagnare eminenza per le sue pubblicazioni.

Cure come

Traducendo in tedesco le Lectures on the Materia medica di William Cullen, Hahnemann ha iniziato a dubitare della teoria di Cullen sulla corteccia di Cinchona, una pianta peruviana che oggi è alla base della chinina per la cura della malaria, così ha lanciato i suoi esperimenti, usando se stesso come cavia. Assumendo grandi dosi della sostanza, Hahnemann sviluppò la febbre, i brividi, la sete e il mal di testa palpitante che caratterizzano la malaria. Questa esperienza convinse Hahnemann che piccole dosi della stessa sostanza avrebbero indotto il sistema immunitario del corpo a combattere la malattia, più o meno nello stesso modo in cui un vaccino antinfluenzale che trasportava germi disattivati proteggeva l’influenza. Questo divenne la famosa massima di Hahnemann, cura come, o la Law of Similars.

.

Per anni, Hahnemann ha arruolato la sua famiglia per esperimenti che comportavano l’induzione di vari sintomi, testando più di 2.000 sostanze che andavano dalle erbe al veleno di serpente, e registrando attentamente i risultati. Infine, iniziò ad applicare i suoi rimedi a persone realmente malate, somministrando intrugli che sperava avrebbero imitato i sintomi già esibiti dal paziente. All’inizio, Hahnemann notò che i suoi pazienti si ammalavano di fatto a causa delle sue sostanze. Questo lo spinse a diluire le sue medicine in dosi sempre più piccole per trovare la più piccola porzione possibile che avrebbe comunque innescato la risposta del corpo. Con sua grande sorpresa, Hahnemann scoprì che i rimedi più diluiti erano in realtà più efficaci nel trattamento delle malattie. Questo divenne la sua Legge degli Infiniti, che sostiene che anche se nessuna delle molecole originali può rimanere in una particolare diluizione, la forza vitale, o il potere di guarigione, della sostanza rimane.

.

I rimedi di Hahnemann sono stati creati sistematicamente, in un processo che comprendeva il posizionamento di una goccia della sostanza in 99 gocce d’acqua o di alcol, poi agitando vigorosamente il contenitore e ripetendo il processo più volte. In teoria, dopo diverse diluizioni, non è rimasta neanche una goccia della sostanza originale. Tuttavia, negli anni ’70 gli scienziati hanno usato una macchina a risonanza magnetica nucleare per dimostrare che “anche se non è rimasta alcuna sostanza nella maggior parte dei rimedi omeopatici, la loro impronta è rimasta nell’alcol/acqua in cui la sostanza è stata diluita”, ha scritto il medico omeopatico e M.D. Jeffrey Migdow in New Visions Online.

.

Assistito dalle sue quattro figlie adulte, Hahnemann ha condotto centinaia di esperimenti, o prove, che ha

raccolto nel suo storico libro del 1810 Organon der Rationellen Heilkunde, o Organon of Rational Healing. Il libro, che spiega tutte le scoperte e gli esperimenti di Hahnemann, è ampiamente considerato l’opera più importante di Hahnemann. In esso, egli definisce la sua pratica homeopatia, dalle parole greche homoio, o simili, e pathos, malattia o malattia. Hahnemann chiamava gli altri medici “allopatici”.

Controversia Alights

La pubblicazione di Hahnemann Organon ha suscitato immediate polemiche, anche se l’omeopatia è stata utilizzata con successo per combattere una serie di epidemie di malattie. “È stato attaccato nelle riviste mediche dell’epoca, [e] libri e opuscoli sono stati fulminati contro di lui e le sue strane dottrine”, ha scritto il dottor Sumit Goel in Life and Works of Samuel Hahnemann su HomopathyHome.com. “Lo chiamavano ciarlatano, ciarlatano, ignorante. Le sue minuscole dosi sono state dichiarate impossibili. I libri e gli opuscoli scritti contro l’omeopatia possono essere numerati a centinaia”.

I farmacisti si sono opposti ad Hahnemann perché ha preparato i suoi rimedi, bypassando i farmacisti. Di conseguenza, fu costretto a lasciare diverse città e quasi costretto a smettere di praticare da farmacisti che si riunirono e si lamentarono con le autorità del fatto che Hahnemann stava violando la loro attività. Nel 1821 Hahnemann fu salvato dal granduca Federico di Anhalt-Coethen, un convinto sostenitore dell’omeopatia, che invitò Hahnemann a vivere sotto la sua protezione e a praticare liberamente.

A dispetto delle polemiche, l’omeopatia fiorì, e sviluppò un forte seguito che includeva molte persone di spicco, come Henry Wadsworth Longfellow, Daniel Webster, Louisa May Alcott, James Garfield e John D. Rockefeller. Hahnemann tenne un’ampia conferenza e nel 1828 pubblicò un’altra opera rivoluzionaria, Malattie croniche: La loro natura e il loro trattamento omeopatico.

Tentativo di pensionamento

Nel 1830, all’età di 66 anni, la moglie di Hahnemann, Johanna, morì. Un anno dopo morì anche il protettore e mecenate di Hahnemann, il granduca Federico. Hahnemann rimase a Coethen, tenendo conferenze, scrivendo e ricevendo studenti. Una di queste studentesse era una donna francese di 35 anni di nome Marie Melanie d’Hervilly, che Hahnemann sposò nel 1835. Su richiesta della sua nuova moglie, Hahnemann si trasferì a Parigi, dove intendeva andare in pensione.

Hahnemann, tuttavia, era troppo conosciuto e la sua conoscenza dell’omeopatia troppo richiesta. Nel giro di pochi anni, Hahnemann aveva uno studio più grande che mai, e gli studenti lo visitavano da tutto il mondo. Ha trascorso gli ultimi anni della sua vita visitando i pazienti, tenendo conferenze e rivedendo una sesta edizione del suo Organon, e combattendo nel frattempo un’infezione polmonare cronica che si ripeteva ogni primavera. Morì il 2 luglio 1843, all’età di 90 anni.

Homeopathy si diffonde negli Stati Uniti

L’homeopatia è fiorita negli Stati Uniti dopo la morte di Hahnemann. Il Collegio Medico Omeopatico di Philadelphia fu aperto nel 1848, fondato dal dottor Constance Hering, un medico la cui originale esposizione all’omeopatia era dovuta a esperimenti da lui progettati per smentirla, scrisse Migdow in New Visions Online. Hering contrasse una grave infezione in un incidente di laboratorio. Invece di amputarsi la mano, che era il trattamento tipico della giornata, “ha scelto di prendere un rimedio omeopatico per il trauma, e nel giro di poche settimane la sua mano è guarita. In seguito divenne un convinto sostenitore e aiutò l’omeopatia a crescere rapidamente negli Stati Uniti”. Nel 1884 la scuola si fuse con l’ospedale omeopatico della Pennsylvania sotto il nome di Hahnemann Medical College and Hospital.

Nel 1900, l’America ospitava 111 ospedali omeopatici, 22 scuole di medicina omeopatica e 1.000 farmacie omeopatiche, scriveva Migdow, osservando che un quarto dei medici urbani praticava l’arte e che quasi la metà della popolazione ne chiedeva l’assistenza.

Come in Europa, però, anche in questo caso, i medici non omeopatici si sono opposti all’omeopatia, sia per motivi scientifici che economici. “Dagli anni Sessanta del 1860 fino a dopo il volgere del secolo”, consigliava la Guida della famiglia, “i gruppi medici cercavano di espellere qualsiasi medico che praticasse l’omeopatia o che si consultasse con un omeopata per la cura di un paziente”. Alla fine l’American Medical Association ha emesso un rapporto che ordinava a tutte le scuole mediche accreditate di essere modellate sul modello della tradizionale Johns Hopkins University. “Così”, scriveva Migdow, “le scuole omeopatiche sono andate in fallimento e presto in bancarotta”. Il numero di scuole mediche omeopatiche americane è sceso a due nel 1923. Nessuna sopravvive oggi.

Declino e rinascita dell’omeopatia

L’homeopatia ha subito un ulteriore declino dopo che pratiche barbariche come il salasso sono passate di moda e nuovi farmaci come la penicillina e gli antibiotici hanno guadagnato importanza. Tuttavia, “il Centro nazionale dell’omeopatia ha continuato, ottenendo l’approvazione della FDA per tutti i rimedi alla fine degli anni ’30”, ha scritto Migdow. “I rimedi venivano continuamente prodotti dalle farmacie omeopatiche e quando l’omeopatia è riemersa negli anni ’60 i rimedi erano pronti e in attesa! I rimedi omeopatici sono ancora in gran parte non provati e non spiegati dalla scienza convenzionale, anche se Pelletier osserva che “per molti farmaci allopatici comunemente prescritti, tra cui l’aspirina e alcuni antibiotici, il meccanismo d’azione rimane ugualmente sconosciuto”.

Gli anni ’60 hanno dato vita a un crescente movimento di ritorno alla terra che ha suscitato un nuovo interesse per la medicina alternativa, compresa l’omeopatia. Negli anni Novanta, il movimento della medicina alternativa era cresciuto al punto che persino l’American Medical Association è stata costretta a riconoscerlo. Un articolo del 1998 su JAMA, il Journal of the American Medical Association, ha definito l’omeopatia “un altro strumento di lavoro”, riconoscendone la prevalenza. “In un certo senso, parte della popolarità dell’omeopatia può essere dovuta a questo strumento incentrato sul paziente.

vista della malattia, dove la chiave per risolvere i problemi di salute sta nella comprensione e nel trattamento di tutti i sintomi, non solo di quelli che si adattano alla descrizione del libro di testo di una specifica malattia”

.

La pratica rimane ampiamente accettata in tutto il mondo, soprattutto in India, in America Latina e in Europa. Il Regno Unito vanta cinque ospedali omeopatici, dove l’omeopatia è coperta dal Servizio Sanitario Nazionale, ha scritto il Dr. Kenneth R. Pelletier in The Best Alternative Medicine. La Francia è sede di otto scuole che offrono lauree in omeopatia avanzata, e quasi tutte le farmacie francesi e tedesche, ha riferito Pelletier, “portano la medicina omeopatica insieme alle medicine convenzionali”. In India, ci sono più di 100 scuole di medicina omeopatica e più di 100.000 medici omeopatici.

Homeopathy è stato trovato per essere particolarmente utile per il trattamento di malattie croniche, tra cui allergie, mal di testa, artrite, colite, asma, asma, ulcera peptica, pressione alta e obesità. Può anche aiutare a porre rimedio a raffreddori ed eruzioni cutanee. Molti negozi di alimenti naturali offrono kit di pronto soccorso omeopatici progettati per il trattamento di lesioni di base, come punture, distorsioni, tagli e contusioni.

Libri

Bratman, Steven, The Alternative Medicine Sourcebook: A Realistic Evaluation of Alternative Healing Methods, Lowell House, 1997.

Guida della famiglia alla medicina naturale, a cura di Alma E. Guinness, Reader’s Digest Association, Inc., 1993.

.

Manuale d’Infermiera delle Terapie Alternative e Complementari, Springhouse Corporation, 1999.

Pelletier, Kenneth, La migliore medicina alternativa: Cosa funziona? Cosa non funziona?, Simon and Schuster, 2000.

Periodici

FDA Consumer, Marzo 1985, p. 33.

The Independent (Londra), 17 novembre 1998, p. 12.

.

JAMA, The Journal of the American Medical Association, 4 marzo 1998, p. 707.

.

Mamma Jones, Settembre, 1998. Star Tribune (Minneapolis, MN), 14 agosto 2000, p. 02A.

.

Online

Enciclopedia Britannica, //www.britannica.com, (10 dicembre 2000.)

.

Vita e opere di Samuel Hahnemann, //www.HomeopathyHome.com, 10 dicembre 2000.

New Visions Online, //www.newvis.net.


GOSTOU? PARTILHE COM OS SEUS AMIGOS!