Samuel A. Stouffer Fatti


Samuel A. Stouffer (1900-1960) era un sociologo e statistico americano. Fu tra i leader nell’applicazione di una metodologia rigorosa alle indagini sociologiche.

Samuel Stouffer è nato a Sac City, Iowa, il 6 giugno 1900. Dopo aver conseguito la laurea al Morningside College in Iowa (1921), si è laureato alla Harvard University e poi all’Università di Chicago, dove ha conseguito il dottorato in sociologia (1930). Ha insegnato alle università di Chicago e del Wisconsin e ha lavorato con diverse agenzie governative durante gli anni Trenta. Durante la Seconda Guerra Mondiale fu direttore dello staff professionale del Dipartimento di Informazione ed Educazione del Dipartimento di Guerra. In tale posizione, ha diretto un’importante serie di studi sugli atteggiamenti dei militari. Nel 1946 si recò ad Harvard, dove fu direttore del Laboratorio di Relazioni Sociali e professore di sociologia fino alla sua morte, avvenuta il 24 agosto 1960.

Il lavoro di Stouffer è stato caratterizzato da un interesse dominante nell’uso di varie tecniche di ricerca, piuttosto che da un’attenzione sostenuta su una o due aree di attualità in sociologia. La sua tesi di dottorato si è occupata dei meriti relativi del metodo del caso studio e dell’approccio statistico. Negli anni Trenta del secolo scorso rivisitò criticamente i dati sul matrimonio nel suo Ricerca sulla famiglia nella Depressione (1937), e iniziò a indagare l’area della ricerca di opinione e della comunicazione di massa, incorporando le sue scoperte in un capitolo della Radio e la pagina stampata di Paul F. Lazarsfeld (1940).

.

Un uso sofisticato dei metodi statistici da parte di Stouffer è stato per la prima volta ampiamente riconosciuto nella sua analisi dei fattori di migrazione (1940). Egli teorizzò che il numero di migranti tra due comunità non solo era influenzato dalle opportunità della comunità di accoglienza, ma era anche modificato o ridotto dalla presenza di opportunità tra la comunità di origine e la potenziale destinazione. Grazie all’uso ingegnoso dei dati sugli affitti locali, è stato in grado di ottenere una conferma sufficiente a stimolare diversi studi comparabili su questo problema di base che hanno descritto accuratamente e parzialmente spiegato i modelli migratori negli Stati Uniti.

La statura di Stouffer come sociologo della ricerca si basa sulla sua esperienza con le tecniche di ricerca di indagine, che si è concretizzata in studi sugli atteggiamenti e le difficoltà dei militari americani durante la seconda guerra mondiale. Questi sono stati pubblicati in quattro volumi noti come The American Soldier (1949-1950), con Stouffer come ricercatore, editore o collaboratore di primo piano. Stouffer e i suoi collaboratori non solo svilupparono tecniche di ricerca utili (come l’analisi dello scalogramma), ma dimostrarono l’importanza della relatività nel giudizio delle persone, sia per le loro esperienze sociali gratificanti che per le loro frustranti esperienze sociali.

Nell’ultimo decennio della sua carriera, Stouffer si è dedicato allo studio degli atteggiamenti in situazioni di conflitto di valori e di ruoli. Si è interessato alle reali barriere che ostacolano il progresso educativo e la mobilità dei giovani e, più in generale, allo studio dei compromessi raggiunti da persone che si trovano ad affrontare direttive morali incoerenti. Il suo lavoro principale in questo campo fu l’indagine nazionale sulle differenze nella tolleranza dell’anticonformismo, pubblicata come Comunismo, Conformità e Libertà Civili (1955). Stouffer fu in grado di

dimostrano che la tolleranza era legata all’istruzione, alla residenza urbana e all’ottimismo personale.

Ulteriori informazioni su Samuel A. Stouffer

Tutti gli articoli e gli indirizzi di Stouffer sono raccolti nella sua Ricerca sociale per testare le idee: Selected Writings (1962), che include un riassunto della sua carriera di Paul F. Lazarsfeld.


GOSTOU? PARTILHE COM OS SEUS AMIGOS!