Fatti di Samuel Colt


L’inventore e produttore americano Samuel Colt (1814-1862) ha sviluppato e reso popolare per la prima volta la pistola a più colpi, o revolver, che ha trovato largo impiego nell’ultima metà del XIX secolo, soprattutto nell’Ovest americano.

Samuel Colt è nato ad Hartford, Conn., figlio di un fiorente produttore di cotone e lana. Nel 1824 suo padre lo mandò a lavorare in uno dei suoi stabilimenti di tintura e candeggio; Colt frequentava la scuola nello stesso periodo. Il suo comportamento a scuola, tuttavia, era tale che il padre cercò di disciplinarlo mandandolo in viaggio per mare come un normale marinaio. Fu un viaggio di un anno in India e in Oriente, e fu proprio durante questo viaggio che il giovane Colt iniziò a lavorare a una pistola girevole. Al suo ritorno lavorò per un anno nella candeggina del padre e poi partì per viaggiare da solo. Poco si sa della sua attività per gli anni successivi, ma almeno per una parte di quel periodo si è presentato come “Dr. Coult” e ha tenuto conferenze popolari sulla chimica e ha dimostrato gli effetti del gas esilarante.

Colt continuò a lavorare alla sua idea di pistola e nel 1831 ne aveva costruito almeno due versioni. Nel 1833 aveva realizzato sia una pistola che un fucile secondo i principi che poi brevettò negli Stati Uniti. Più o meno in questo periodo si era recato in Europa, dove aveva acquisito brevetti sia in Francia che in Inghilterra. Tornò in America nel 1836 e quell’anno ricevette un brevetto americano. La caratteristica principale della sua pistola era un cilindro a cartuccia girevole che faceva avanzare automaticamente una camera quando la pistola era armata.

Nel 1836 Colt costruì una fabbrica a Paterson, nel New Jersey, per fabbricare i suoi revolver, ma non ricevendo un contratto dal governo non riuscì a produrre e vendere la pistola in quantità. Costretto a vendere il brevetto del suo revolver, si rivolse al problema della guerra sottomarina, ricevendo un aiuto finanziario dal governo per costruire una batteria sperimentale per sottomarini.

Nel 1846, con la dichiarazione di guerra contro il Messico, la richiesta di armi aumentò, e Colt ottenne un contratto governativo per 1000 delle sue pistole rotanti. Rapidamente riacquistò i suoi brevetti e aprì un’armeria a New Haven, Conn. Questo nuovo mecenatismo governativo, unito alla crescente popolarità dell’arma in Occidente (dove si adattava perfettamente al nuovo tipo di guerra a cavallo contro gli indiani), portò finalmente Colt al successo finanziario. La sua esposizione alla mostra internazionale del 1851 al Crystal Palace di Londra suscitò un ampio consenso per l’eccellenza delle sue armi, ma soprattutto per l’esempio della produzione di massa di pezzi intercambiabili, che divenne noto come il sistema americano di manifattura. Nel 1855 Colt costruì la sua grande armeria ad Hartford, Conn. (la più grande armeria privata del suo tempo), e visse la sua vita come un produttore prospero e rispettato.

Ulteriori informazioni su Samuel Colt

Una buona introduzione alla vita e alle opere di Colt è William B. Edwards, La storia del revolver di Colt: La biografia del Col. Samuel Colt (1953). C’è una vasta letteratura sulle armi, scritta per appassionati e collezionisti, gran parte della quale contiene riferimenti a Colt e alla sua pistola.

Altre fonti biografiche

Barnard, Henry, Armeria: la casa, il braccio e l’armeria di Samuel Colt: a memoria, s.l.: s.n., 1976.

Grant, Ellsworth S., L’eredità della Colt: l’armeria Colt ad Hartford, 1855-1980, Providence, RI: Mowbray Co., 1982.

Keating, Berna, Il fiammeggiante signor Colt e il suo micidiale sei colpi, Garden City, N.Y.: Doubleday, 1978.


GOSTOU? PARTILHE COM OS SEUS AMIGOS!