Caspar David Friedrich Faits


Friedrich iniziò a studiare disegno nel 1788; nel 1794 entrò all’Accademia di Belle Arti di Copenaghen, una delle accademie d’arte più liberali d’Europa, soprattutto per la sua insolita enfasi sulla natura del disegno piuttosto che sull’arte antica. I suoi insegnanti erano maestri del neoclassicismo danese, ma trasmettevano anche concetti del primo romanticismo inglese, comprese le teorie di Henry Fuseli, prima che Friedrich partisse per Dresda nel 1798.
Cross in the Mountains (nota anche come Palazzo d’altare di Tetschen), chiedendo se “è una buona idea usare il paesaggio allegoricamente per rappresentare un concetto religioso o anche per suscitare un senso di riverenza”. Dopo aver criticato il dipinto, che raffigura un crocifisso su una montagna illuminata dal sole al tramonto, Ramdohr ha concluso che una rappresentazione della natura non può essere propriamente simbolica o allegorica, che “è la più grande arroganza quando la pittura di paesaggio cerca di insinuarsi nelle chiese e strisciare sugli altari”. Diversi amici di Friedrich hanno risposto in dettaglio a queste critiche, che hanno dato origine a un’importante argomentazione che alla fine è servita ad aumentare la fama dell’artista.

Speranza (1822).

.
Ulteriori informazioni su Caspar David Friedrich

Caspar David Friedrich: His Life and Work (1940). Più recente è la pubblicazione di Leopold D. Ettlinger, Caspar David Friedrich (1967). Vedi anche Marcel Brion, Arte dell’era romantica (trans. 1966).

.

Altre fonti biografiche

La visione romantica di Caspar David Friedrich: dipinti e disegni dell’URSS, New York: Metropolitan Museum of Art; Chicago: Art Institute of Chicago; New York: Distribuito da Abrams, 1990.


GOSTOU? PARTILHE COM OS SEUS AMIGOS!